Aprire allevamento di Asini

Avviare un allevamento di asini è un’idea imprenditoriale che molti imprenditori agricoli stanno mettendo in pratica, soprattutto grazie al rinnovato interesse per il latte delle asine, alimento dotato di numerose proprietà nutritive.

In questo articoli forniremo indicazioni importanti per avviare il tuo allevamento di asini da latte, in modo che tu possa sapere quali sono i costi da sostenere, i requisiti necessari e quali possono essere i guadagni.

Allevamento di asini: latte e non solo

Come anticipato il motivo principale per avviare un allevamento di asini è dovuto al loro latte, che è molto ricercato sul mercato e sul mercato finale può arrivare anche a 12 euro al litro. Oltre a questo è possibile affiancare anche altre attività collaterali come l’onoterapia (una forma di pet therapy), le passeggiate a d’orso d’asino e il trekking.
Per quanto riguarda il latte di asina, la quantità media ottenuta ad ogni mungitura può variare dai 300 ai 750 ml con picchi di 1200, 1500 ml in relazione alla mole e al periodo di mungitura. Il modo migliore per mungere un asino e avere la maggiore quantità di latte possibile è quella di mungere simulando l’allattamento del puledro, quindi almeno tre volte al giorno.

Quanto spazio serve?

Lo spazio necessario per avere un allevamento di buona qualità è un ettaro per 4-6 capi adulti. Quindi per un allevamento medio di 25 capi saranno necessari circa 5 ettari. In base a questo e alla tua disponibilità economica potrai decidere che tipo di terreno dovrai acquistare a meno che tu non abbia già un terreno adatto a questo tipo di allevamento.
L’asino può essere gestito allo stato semibrado in gruppi di 20-30 capi, con 1 o 2 stalloni. Le razze maggiormente indicate, per la maggiore resa del latte, sono la razza Martina Franca e la Ragusana. Come per gli allevamenti di alpaca anche in questo caso è necessario predisporre dei ricoveri, zone d’ombra e vasche per l’acqua.

Quanto vive un asino?

Un asino in salute, allevato nel rispetto del benessere animale, non sottoalimentato o sovralimentato, non sottoposto a dure condizioni di vita e lavoro può vivere fino a 40 anni e oltre (il doppio della vita media di un cavallo).

Quanto costa un asino?

Il prezzo varia in base alla razza, ma anche dal carattere dell’animale. Infatti anche se il prezzo oscilla tra i 600 e i 1000 euro, potrebbe capitarvi di trovare degli asini che per il loro carattere difficile potrebbero essere svenduti così come per un asino destinati al macello.

Cosa mangia un asino?

Gli asini devono mangiare esclusivamente razioni di foraggio molto povero, facili da digerire e con un apporto calorico adatto alla corporatura, alla temperatura ambientale, al moto e alle attività svolte. Sono animali rustici e forti che si sono evoluti in ambienti difficili e desertici errando su terreni rocciosi o sabbiosi in scarsità di acqua e vegetazione. Un asino obeso o scheletrico è un asino infelice e soggetto a malattie. Sempre per quantificare i costi dell’avvio di un allevamento di asini tenete presente che con una balla di fieno (circa 25kg) potete mantenere un asino per 5 giorni. Mediamente un asino mangia 4-5 kg di fieno al giorno. Una balla costa circa 5 euro.
Si tratta di indicazioni di media che non tengono conto dell’età dell’asino, della taglia(piccola, media o grande) e del tipo di attività che svolge durante il giorno. Ad esempio un asino di taglia grande, di 300 kg di peso, mangia circa 7,5 kg di fieno al giorno.
Per aprire un allevamento di asini occorre seguire la normativa insita nel Codice per la Tutela e la Gestione degli Equidi, oltre alle norme igieniche dettate dal regolamento sull’allevamento di equini. Si tratta di regolamenti la cui osservazione è fondamentale per poter aprire un’attività di questo tipo, pena salate multe da parte dell’autorità competente. Per quanto concerne la produzione e la vendita di latte d’asina, invece, occorre seguire la normativa regionale di riferimento. Sebbene possa sembrare una quantità non indifferente di pratiche burocratiche, un bravo consulente può essere in grado di sbrigarle con una certa rapidità, istruendovi anche sulle regole basilari da seguire.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *