Cosa fare prima di acquistare un pappagallo

Quando si decide di prendere un’animale da compagnia, di qualsiasi specie esso sia, và tenuto conto delle particolari esigenze che esso può avere. Nel caso specifico dei pappagalli, per non pentirsi della scelta effettuata, bisogna subito essere consapevoli delle cure e del tempo necessari quotidianamente per garantire loro una vita comoda e salutare.

Acqua, cibo e pulizia del Pappagallo

Acqua, cibo e pulizia sono essenziali, e va tenuto conto che piccoli volatili come canarini, cardellini, estrillidi ed ondulati non possono sopravvivere più di tre quattro ore senza acqua e un giorno senza cibo poiché il loro metabolismo è così veloce che in poche ore perdono più della metà del loro peso, rendendo molto difficile il ripristino delle loro condizioni fisiche iniziali, e causando un rapido e progressivo deperimento che li porta alla morte.

Un grosso problema può essere rappresentato dalle vacanze, o quando si è assenti anche per un breve periodo. In quel caso bisogna contare su una persona di fiducia che li accudisca al nostro posto, ma visto che l’estraneo in questione sarà visto come una minaccia per i nostri volatili, sarà bene abituarli alla sua presenza con qualche giorno d’anticipo, facendoci accompagnare da lui quando li nutriamo.

É se possibile meglio che gli uccelli non vengano allontanati dalla casa dove vivono, per non traumatizzarli eccessivamente, e la cosa diventa fondamentale se si tratta di pappagalli addomesticati. Se è necessario spostarli, è bene che il cambiamento si svolga modo graduale, portando il nostro soggetto per qualche ora nel nuovo ambiente per poi riportarlo a casa dove si tranquillizzerà nuovamente. Dopo tre o quattro volte che facciamo questa operazione, sicuramente non avrà problemi ad ambientarsi nel nuovo domicilio provvisorio.

Suoni, spazio e rumori

Altro dettaglio molto importante, ma spesso trascurato, è informarsi molto bene sul tono della voce del pappagallo che decidiamo di acquistare. Conuri, ara, amazzoni, cacatua ecc sono molto chiassosi, ed in condominio potrebbero nel giro di poco tempo essere causa di lamentele e reclami da parte dei vicini. Inoltre concorre il costo notevole di simili esemplari, e trovare loro un nuova collocazione ed un nuovo proprietario, oltre che dannoso per il pappagallo, può essere difficile da gestire anche per l’acquirente.

pappagallo amazzonia
Anche la vivacità e il carattere esuberante di alcune specie piuttosto che altre deve influenzare la nostra scelta. Se prendiamo animali dall’indole docile e tranquilla come la calopsitta, canarini e diamanti in genere, risultano molto adatti alla vita domestica; mentre usignoli del Giappone, bulbul e storni di vario tipo sono adatti alla vita in voliere esterne e mal si adeguano a spazi ristretti.

Consigli finali prima di acquistare un pappagallo

Scegliere un pappagallo solo per la sua splendida ed appariscente livrea è sicuramente un errore. Inoltre è fondamentale scegliere specie caratterialmente compatibili per popolare il nostro aviario, altrimenti eventuali liti potrebbero portare alla morte del soggetto meno aggressivo. Questi consigli non sono volti ad scongiurare l’acquirente, ma a renderlo consapevole delle sue scelte per avere un animale da compagnia adatto alle sue esigenze, ed in esso troverà tutte le soddisfazioni che un amante dell’ornitologia cerca.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *