Mungitura asini

Abbiamo visto quali sono i requisiti per avviare un allevamento di asini, oggi vedremo nel dettaglio in cosa consiste la mungitura degli asini e di cosa abbiamo bisogno.

Partiamo con dire che la mungitura può essere condotta manualmente o in maniera più efficiente con l’impiego di sistemi automatizzati. Non esistono strumenti meccanici ad-hoc per gli asini, ma si possono utilizzare senza alcun problema quelli comunemente adoperati per gli ovi-caprini.

Va ricordato che il latte d’asina è altamente digeribile, ricco di calcio, ha una buona componente di lattosio che lo rende dolce ed è molto simile a quello materno.

Cosa serve per mungere il latte di asina?

Per produrre un latte di asina di qualità e aver un ottimo ritorno economico a situazione ideale è di avere circa 100 capi di cui almeno il 40% in lattazione. Oltre ai capi è necessario disporre di una la sala mungitura a norma possibilmente automatizzata o semi-automatizzata. In ultimo bisogno avere anche un canale distributivo per la vendita del latte. In assenza di quest’ultimo si può optare per la vendita diretta.

Gli ambienti della mungitura

Gli ambienti utilizzati a tal fine, dovranno essere sottoposti ai normali protocolli igienico sanitari in uso anche per i più comuni animali lattiferi.

Come mungere?

La mammella dell’asina non è dotata di una “cisterna” che ha la funzione di accumulo del latte a differenzia delle mammelle dei bovini o degli ovini. L’assenza di questa cavità intermammaria rende le quantità di latte ottenute ad ogni mungitura molto inferiori rispetto a quelle fornite dagli altri animali. Mediamente si possono ottenere dai 300 ai 750ml da una mungitura. In rari casi si può arrivare anche a 1500ml.

Come per gli ovini le asini vanno munte giornalmente con cadenza di almeno tre volte al giorno imitando la modalità di allattamento del puledro (piccoli ma numerosi atti di suzione). In questo modo la produzione dovrebbe essere maggiore, perché si fornisce stimolo alla continua produzione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *